Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio

Questo scritto spera di fornire uno strumento agli operatori del settore e a coloro che intendono approfondire il tema della vita oltre il matrimonio.
Grandi esclusi restano i conviventi, rispetto ai quali il nostro ordinamento non consente ancora l’applicazione in via analogica degli istituti della separazione e del divorzio per quanto riguarda gli aspetti economici e patrimoniali legati alla conclusione del rapporto affettivo e di convivenza. Anche se un tratto di strada si è fatto, con il riconoscimento della voltura del contratto di locazione in capo al convivente e l’accesso al processo di cognizione per l’affidamento dei figli minorenni (con il d.lgs 28.12.2013 n. 154), restano terra di nessuno le sorti dell’ex convivente con minore capacità reddituale e i diritti successori. Ai conviventi suggerisco di fare testamento, qualora intendano disporre dei propri beni in favore del compagno o della compagna.
Le cause, nel diritto di famiglia, sono quelle dove nessuna parte vince. Per ciò la preparazione, la sensibilità e la qualità degli avvocati che assistono i coniugi incidono in maniera fortissima sull’esito e sulla lunghezza del processo, con effetti importanti sulla vita dei rispettivi clienti e dei loro figli.
Spesso una buona transazione è la via meno dolorosa e più efficace, ma una buona transazione richiede di prendere in esame moltissimi
elementi, non ultimo l’aspetto fiscale.
Spero che la lettura sia agevole e, perché no, anche gradevole. C’è un ampio ventaglio di giurisprudenza con brevi mie notazioni ad integrazione, per lasciare alla lettura la materia originaria.

Compra subito Anteprima Aggiornamenti

Attenzione!

Devi eseguire il login per visualizzare il PDF in anteprima di questo libro.

×

Attenzione!

Devi eseguire il login per visualizzare gli aggiornamenti di questo libro.

×

Login

Registrati al sito